Un anno di insegnamenti

Image for post
Image for post
L’alba d’un giorno di fine lockdown

Caro 2020 ti scrivo,

lo ammetto trovare le parole giuste per salutarti non è stato facile. Non è che manchino i ringraziamenti ma non volevo essere troppo intimista e parlare solo di me, né volevo parlare del mondo. Perché se c’è una cosa che mi hai insegnato è smetterla di preoccuparmi di quello che succede in giro, di ciò su cui non posso davvero influire. Posso occuparmi del mio giardino, pulirlo, sistemarlo, coltivarlo, per farlo fiorire, per scambiare i frutti e i semi con chi davvero conta.

Sei stato un anno di cambiamento, radicale e incredibile. Non sei stato l’unico…


Image for post
Image for post
L’ultimo raggio di sole, l’ultimo giorno tra i monti dietro casa, per un po’ di tempo. Andreis, Prealpi Carniche

Ben oltre le idee di giusto e sbagliato, c’è un monte o un mare, ti aspetterò lì.

Citando il grande poeta persiano Rumi

Da molto non passavo di qui a raccontare, soprattutto a trasformare i pensieri e le emozioni in parole. I tempi si sono fatti di nuovo stretti, angusti. Forse non sono i tempi, ma i nostri cuori, oppressi da mille paure.

Sono stati mesi difficili, specialmente l’uscita dopo il primo lockdown, tante emozioni non digerite, tanta voglia di libertà, l’estate e un varco aperto nel tempo sospeso della primavera che chiedeva di essere esplorato e non ingannato.

Con…


Il coraggio di uno sguardo

Image for post
Image for post
Illustrazione trovata su Pinterest

C’è una pandemia silenziosa, che non richiama l’attenzione dei media, della politica e nemmeno del sistema sanitario, che non rischia la saturazione delle terapie intensive. È una pandemia che non prevede mascherine, gel o prenotazioni obbligatorie dei concerti. Si consuma nel silenzio, un silenzio assordante.

Ogni anno nel mondo muoiono per suicidio 800 mila persone. Un numero che vuol dire poco, finché non vai al funerale di una donna di 40 anni che pensavi si fosse “ripulita” dell’alcol e della depressione, e che invece si è uccisa in casa. …


Image for post
Image for post
Il borgo di Orsomarso in Calabria

Il tema del ritorno dopo un lungo viaggio è antica come l’alfabeto e sicuramente come le parole, non scritte ma narrate a voce da chi ha inventato lo storytelling, non per vendere a tutti i costi, ma per educare, per istruire, per riempire di meraviglia i cuori dei propri simili.

Chi è l’Odisseo moderno? Chi può competere con un guerriero che ha vinto la guerra di Troia grazie ad un abile stratagemma e ha navigato nel Mediterraneo per anni, prima di tornare a casa, dopo prove e tentazioni, dopo essere disceso all’inferno e cacciato gli usurpatori del suo regno?

Nessuno…


Il futuro è un giardino

Image for post
Image for post
Photo by Pascale Moujaes on Unsplash

‘’Fa inna ma’al ‘usri yusra — فَإِنَّ مَعَ الْعُسْرِ يُسْرًا ‘’

‘’In verità per ogni difficoltà c’è una facilità”

Sura 94, Corano

In questo periodo ho rifletto tutto molto su tante cose, penso sia capitato un po’ a tutti, visto il tempo a disposizione e la eccezionalità che stiamo vivendo.

Ho avuto anche tempo per arrabbiarmi e giudicare, per guardare alcuni aspetti da un punto di vista vecchio, ancorato ad un passato che faccio fatica a lasciar andare.

Stato, ad esempio è un participio passato, e mai come ora si è dimostrato incapace di essere all’altezza dei tempi straordinari che…


È ora il cambiamento

Image for post
Image for post
Pino marittimo a Bibione

Appartengo ad una generazione sospesa, tra il mito economico del mondo dove facevi soldi così, come fossero magie da illusionisti, e una presunta realtà fatta di tagli, austerità e depressione psicologica, ancora prima che economica.

Ma nella vita che fai ogni giorno finisci per essere stanco di subire. Stanco e offeso, nel cuore tuo sai che un guerriero non si arrende mai, che arriverà il suo momento, il momento di liberazione delle principesse, dei draghi e dei regni vicini.

Un giorno ti svegli ed è il 2020, una data come altre, poco dopo compi gli anni…


Io posso respirare

Image for post
Image for post
Alba a Bibione, maggio 2020

Ci sono singole morti che in alcuni momenti sarebbero state solo dei decessi. In altri, diventano richieste di cambiamento globale

Di George Floyd, di appartenenti a minoranze culturali senza potere, che muoiono ce ne sono sempre stati, negli USA, in Brasile, in Italia, in Francia e in ogni paese del mondo. Perché questo è un mondo ingiusto dove paura e rabbia governano i cuori e le menti, dove minoranze col potere, sostenute dalle maggioranze altrettanto inconsapevoli, temono che non ci sia abbastanza. …


Per rinascere bisogna morire

Image for post
Image for post
Photo by Jason Blackeye on Unsplash

Siamo così attaccati a questo modo di vivere che la sua imminente fine ci spaventa più di ogni contagio.

Ognuno di noi ha vissuto la quarantena e sta vivendo la cosiddetta fase 2 con sentimenti constrastanti che rivelano le proprie paure e attaccamenti. Io ad esempio non ho quasi mai avuto timore di contagiarmi o di contagiare in modo asintomatico chi mi stava vicino. Da subito ho avuto però la percezione che questo virus avrebbe portato una crisi economica senza precedenti ed ho cominciato a spaventarmi.

Dopo lo shock da paura istintiva di morire, dopo il bollettino quotidiano dei morti…


Come sopravvivere alla guerra moderna

Image for post
Image for post
Photo by Sunyu on Unsplash

La vera cospirazione

sono la rabbia e la paura

nemici potenti

che ci chiudono

in casa

a doppia mandata.

La vera cospirazione

è il timore

di essere liberi

perché le catene

sono preziose

le abbiamo guadagnate

anello dopo anello.

Forse sei anche tu tra coloro che ricevono ogni giorno un messaggio con un video che svelerà la “verità definitiva” su quello che sta succedendo, o un invito ad entrare in un gruppo “rivoluzionario” su Facebook al sostegno di qualche causa combattuta contro il Sistema.

Forse sei tra i miei “amici” e quello che scriverò potrebbe non piacerti. Pazienza. Tra le…


Imprendere in una nuova era

Image for post
Image for post
Photo by Marcus Woodbridge on Unsplash

È in arrivo una tempesta di proporzioni mai viste. Nuvole scure si sono addensate e radunate, come un fiero esercito, all’orizzonte. Il vento si è alzato e soffia sempre più forte. Le imbarcazioni insicure non hanno scampo. Nemmeno quelle ormeggiate al porto, in attesa di partire, ma che non sono mai salpate.

Questa non è una storia di fantasia, sono i nostri tempi, quelli del Coronavirus. …

Luca Vivan

Writer, poet and storyteller. I let the words come and spread. I write to give voice to beauty and mindfulness wherever I am. www.lucavivan.com

Get the Medium app

A button that says 'Download on the App Store', and if clicked it will lead you to the iOS App store
A button that says 'Get it on, Google Play', and if clicked it will lead you to the Google Play store